WhatsApp
Servizio Clienti
Bisogno di aiuto? Chatta con noi su WhatsApp! Ti risponderemo il prima possibile!
SPEDIZIONI GRATUITE IN TUTTA EUROPA
 

STORIE

Oggetti, ritrovati nelle profondità marine. Usurati, dimenticati. Appartenuti ad uomini la cui esistenza selvaggia era scandita dalle onde, risse e codici d’onore. Catturati da questa vita acre, come la salsedine che impregnava le loro barbe bruciate dal sole. Prede di una fottuta creatura marina che stritolandoli con i suoi tentacoli  li trascinava giù negli abissi. Sempre più giù.
Dove la luce rimane solo un ricordo, la pressione comprime la cassa toracica e ogni destino è ormai segnato.


Scese la notte, e con lei la nebbia. Uno strano presentimento circondava ogni essere vivente. Nessuno poteva immaginare che il qualcosa avrebbe coperto il sole per quasi due secoli.
Si udì un urlo lontano, affievolito dal rumore della città. Qualcosa di oscuro si stava muovendo.
Da quel momento, il mondo, non era più nostro.
Questo è tutto ciò che si conosce di quel periodo cancellato dalla storia.
Un periodo chiamato  OBLITUS.



Ad alcuni una spada. Ad altri un’ascia. Ad altri ancora una sciabola od un pugnale arrugginito. Poco importa, l’unica cosa che hanno tutti in comune è il sangue rappreso sulla lama. Una lama capace di far cadere imperi, per renderne grandi altri.
Civiltà antiche ed imponenti, forgiate dalle innumerevoli battaglie.